L’impegno di AIPE nella sostenibilità

Da anni AIPE è attenta al tema del riciclo dell’EPS e del suo impatto ambientale in tutto il ciclo di vita. Lo testimoniano diverse iniziative prese nel corso degli anni dall’associazione. Ad esempio, risale a ben dieci anni fa il primo calcolo dei parametri di sostenibilità dell’EPS per determinarne la LCA per imballaggio ed edilizia.

L’Associazione è inoltre concretamente impegnata dal 2003 nella collaborazione con i consorzi COREPLA e ASSORIMAP per la promozione del recupero e riciclo dell’EPS post consumo sul territorio e partecipa attivamente a diverse iniziative nazionali e della Comunità Europea per mettere a punto progetti di riciclo del polistirene espanso, che trasformino il rifiuto in materie prima seconda, attraverso le diverse tecnologie attualmente disponibili che permettono di riciclare l’EPS nel post-uso, sia quello derivante da imballaggio che da edilizia.

Le diverse attività e collaborazioni sviluppate negli anni, nonchè i diversi progetti e le competenze specifiche, fanno oggi di AIPE il punto di riferimento in materia di recupero e riciclo del polistirolo.


Gli obiettivi di CREA

Il centro CREA di AIPE è a disposizione di privati, aziende e istituzioni, per fornire tutte le indicazioni necessarie per un corretto recupero e riutilizzo del polistirolo.
Perché recuperare e riciclare correttamente i prodotti in polistirolo, significa evitare gli sprechi e dare una seconda vita all’EPS per il bene dell’uomo e la salvaguardia dell’ambiente.
I prodotti fatti in polistirene espanso o EPS, comunemente chiamato polistirolo, sono prodotti sui quale spesso sorgono ancora dei dubbi riguardo la corretta destinazione al momento del riciclo.
Questo è uno degli aspetti che CREA si ripropone di affrontare, promuovendo sul territorio la cultura di una buona pratica del riciclo dell’EPS. I prodotti in polistirolo sono infatti materiali preziosi con una “carta d’identità” di prodotto semplice e comprensibile, che fa sì che possano essere identificati facilmente per essere raccolti e riciclati in un bene, che può e deve tornare a costituire manufatti della vita quotidiana.

Dalle vaschette in polistirolo termoisolanti per il gelato, alle cassette per il pesce, che mantengono inalterate a lungo la freschezza del pescato, ai contenitori per frutta e verdura che preservano la sicurezza degli alimenti freschi, agli imballi tecnici di ogni genere… svariati e molteplici sono i prodotti in EPS che devono essere raccolti e poi conferiti nella raccolta differenziata della plastica, salvo diverse indicazioni del comune di residenza.

I prodotti in polistirolo sono quindi riciclabili al 100% e infinite volte.
Pertanto non vanno dispersi nell’ambiente ma differenziati nella raccolta della plastica per essere recuperati e successivamente riciclati nella produzione di nuovi articoli in polistirene espanso, performanti come l’originale!

 

Collaborazione AIPE – COREPLA

La collaborazione con COREPLA (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei rifiuti di imballaggio in plastica) ha portato alla stesura di un accordo fra il Consorzio stesso e AIPE per la raccolta selettiva dell’EPS sul territorio nazionale di imballi post-uso per il recupero e il riciclo attraverso le piattaforme PEPS (Piattaforme EPS).

COREPLA si occupa prevalentemente del ritiro e avvio a riciclo/recupero della raccolta differenziata urbana, svolta nell’ambito del servizio pubblico e gestita tramite l’Accordo Quadro ANCI-CONAI. Per quanto concerne invece altri flussi di rifiuti di imballaggi in plastica generati su superfici private nell’ambito di attività economiche (industria, artigianato, commercio, servizi) che non vengono gestiti dal servizio pubblico di raccolta (quindi “non assimilati ai rifiuti urbani” e qualificati come “rifiuti speciali”) le imprese di recupero/riciclo sono in genere interessate ad assicurarsene la gestione in totale autonomia. Nei casi però in cui il mercato non trovi margini di redditività rispetto a talune tipologie di rifiuti di imballaggi in plastica (esclusivamente post-consumo) prodotti dalle Imprese, il Consorzio svolge un ruolo sussidiario mettendo a loro disposizione una rete di Piattaforme per il ritiro/conferimento gratuito.

Le piattaforme PEPS di COREPLA

Le piattaforme PEPS diffuse sul territorio nazionale sono specializzate nella raccolta degli imballaggi di polistirene espanso. Tali impianti, legati da specifico contratto con COREPLA, ricevono e/o ritirano gratuitamente, nel rispetto di specifiche e limiti prestabiliti, rifiuti di imballaggi in EPS (Condizioni: codice CER 15.01.02 – Imballaggi in plastica)

 

Il processo di conferimento dell’EPS previsto dall’accordo quadro AIPE-COREPLA

Il processo avviene attraverso le seguenti fasi:

Conferimento
Le piattaforme per la raccolta di imballaggi in EPS (PEPS) operano mediante tre tipi di conferimento:

  • Da parte di imprese utilizzatrici di imballaggi in EPSLe PEPS infatti ricevono il materiale senza pretendere nulla. Non sono riconosciuti ritorni economici né al conferente né a COREPLA;
  • Da parte di imprese convenzionate con COREPLA per raccolte differenziate (rifiuti provenienti da servizi pubblici) anche questo servizio è a titolo gratuito. Non sono riconosciuti ritorni economici né al conferente né a COREPLA;
  • Ritiro di materiali effettuati fatto dalle PEPS su indicazione COREPLA presso Centri selezione (CSS), Piattaforme (PIA), Centri selezione privati, Grandi produttori di rifiuti di imballi.
    COREPLA riconosce alle PEPS un rimborso per le spese di trasporto pari a 200 Euro/ton a viaggio.

Le PEPS (piattaforme di riciclo EPS), diffuse in tutto il Paese, sono specializzate nella raccolta di rifiuti di imballi in polistirene espanso). Questi impianti, collegati da un contratto specifico con COREPLA, ricevono e/o raccolgono, nel rispetto delle specifiche e dei limiti prestabiliti.
Gli imballaggi domestici in polistirene vengono raccolti con differenziata dai Comuni e in seguito vengono trasportati ai centri di selezione di COREPLA.

Albo Riciclatori AIPE

Elenco aziende operanti nel settore recupero e riciclo EPS

Con la collaborazione delle aziende associate, AIPE ha creato una rete di imprese per la raccolta e il riciclo di imballi post-uso e scarti in EPS al fine di supportare il riciclo di tale materiale e si adopera per implementare tale circuito.
Riportiamo di seguito un elenco di contatti che operano nel circuito del riciclo dell’EPS con cui AIPE si è interfacciata (elenco soggetto a revisione continua).

Elenco riciclatori: Soci AIPE


Elenco di ulteriori riciclatori